Quali sono i diamanti più rari?

Oggetti

Il diamante più raro è quello verde.

Allo stadio grezzo, i diamanti verdi si possono manifestare in 3 tipologie: una pietra con una sfumatura vicina al colore dell’acqua marina, una tendente al verde scuro e una con sfumature giallo-verdi. Dopo essere stati tagliati e lucidati, i primi due tipi perdono il colore verdastro e diventano bianchi; i pochi diamanti sfaccettati veramente verdi appartengono solo al 3° tipo.

Cosa causa la particolare colorazione dei diamanti?

Il colore verde è causato quando il cristallo, ad un certo punto della sua formazione, che avviene in milioni di anni, viene in contatto con una sorgente radioattiva naturale. Il bombardamento delle particelle presenti nei composti radioattivi crea un leggero rivestimento verdastro, che però viene spesso eliminato in fase di lavorazione. I diamanti interamente verdi sono molto rari perché significa che la radiazione ha influenzato l’intera superficie del cristallo.

Il valore economico delle pietre viene stimato in base alla purezza del colore e alla tonalità di verde.

Il diamante Dresden Green

Il più grande diamante verde naturale del mondo è, ad oggi, il Dresden Green, di cui si ha notizia fin dal 1700. Sviluppatosi in india fu poi acquistato dal re Federico Augusto, durante una fiera del 1742 a Lipsia. Nel 1976 il re Augusto commissionò un gioiello in cui fece incastonare la pietra del peso di 40,7 carati e che prese il nome dalla capitale della Sassonia (Dresda), dove rimase esposto per oltre 200 anni.

Segnala un Errore

Forse ti interessa anche