Chi ha inventato le Carte di Credito?

Invenzioni

La prima carta di credito fu una Diners Club e fu commercializzata nel 1950.

Le carte di credito sono diventate parte della nostra vita quotidiana, ma fino alla metà del XX secolo la gente ha sempre dovuto pagare in contanti per i propri acquisti.

Tutto è cominciato un giorno in cui Frank McNamara, capo della Hamilton Credit Corporation andò a cena con il suo avvocato Raplh Sneider e Alfred Bloomingdale, suo amico di lunga data e fondatore della catena di negozi che porta il suo nome.

I tre si erano recati al Major’s Cabin Grill, un famoso ristorante di New york situato accanto all’Empire State Building per discutere un problema di un Cliente della Hamilton Credit Corporation. Il problema era che tale cliente aveva preso in prestito dei soldi, ma non era riuscito a saldare il proprio debito. Aveva infatti prestato un certo numero di Charge cards, sostanzialmente dei buoni di acquisto disponibili nei centri commerciali e nelle stazioni di benzina, ad alcuni vicini di casa per acquistare beni di prima necessità.

Per questo servizio sarebbe stato ripagato del costo originario dell’acquisto più un piccolo extra. Purtroppo per lui molti dei suoi vicini di casa non furono in grado di ripagarlo nel breve periodo e l’uomo fu costretto a chiedere in prestito dei soldi alla società di Frank.

Alla fine del pasto McNamara mise mano al portafogli accorgendosi di averlo dimenticato e dovette chiamare la moglie per farsi portare un pò di contante. Dopo quel momento giurò che la cosa non si sarebbe mai più dovuta ripetere.

La fusione delle due problematiche fece nascere l’idea di una carta che potesse essere utilizzata in diverse situazioni di acquisto, in modo che tra il compratore e il venditore, ci fosse un intermediario che si faceva garante del completamento delle operazioni.

Nasce la prima carta di credito.

I tre soci decisero quindi di fondare una nuova società e, nel 1950, diedero vita alla Diners. Invece di diverse aziende che offrivano crediti ai propri clienti, ci sarebbe stato un unico intermediario, cosicché, invece delle numerose schede di credito, una per ogni attività, ce ne sarebbe stata una sola.

La nuova società era incentrata sui venditori; dal momento che spesso questa categoria di lavoratori aveva bisogno di pranzare fuori sede (da qui il nome Diners). Iniziarono quindi una campagna di convincimento rivolta a loro e ad un gran numero di ristoranti.

Le primissime carte di credito furono consegnate lo stesso anno a 200 persone e vennero accettate da 14 ristoranti di New York, ma si svilupparono molto in fretta, tanto che, alla fine del 1950, erano in circolazione più di 20.000 esemplari.

La carta di credito Diners Club ha continuato a prosperare per 8 anni fino a quando sono arrivati i primi concorrenti: l’American Express e la Bank Americard (che in futuro cambiò nome in VISA).

Segnala un Errore

Forse ti interessa anche